Teatro Verde

Esiste a Roma un luogo magico, che libera i bambini dalle prigioni tecnologiche, dalla noia, dalla solitudine. E’ un luogo che scatena la fantasia, il gioco, l’amicizia, e che educa all’ascolto e alla pazienza, due attitudini che sembrano smarrite per la maggioranza dei piccoli di oggi.

E’ un luogo dove si raccontano le fiabe di sempre mitigandone  gli aspetti oscuri, ed esaltandone gli insegnamenti, e dove si inventano storie nuove che parlano di ecologia, fratellanza, bellezza, poesia, libertà.

E’ un luogo pieno di musica e colori, di risate di bimbi che non hanno nulla di passivo, che partecipano agli spettacoli, ai laboratori, alle feste e ai mille eventi che ogni stagione offre al suo piccolo pubblico dai 0 ai 90 anni.

E’ il Teatro Verde che ha bisogno dell’aiuto di tutti per riaprire dopo l’incendio che l’ha danneggiato, e poter riprendere a incantarci con la magia dei suoi spettacoli.

E’ online la Campagna “Per riaprire il Teatro Verde al più presto!” www.eppela.com

condividi

Amref 5×1000

Mi chiedono in tanti di essere testimonial di progetti, iniziative, onlus e fondazioni.

Ho messo la mia faccia solo per Amref perché ho lavorato con loro per 10 anni. Ho visto come portano salute , istruzione e formazione professionale agli africani essendo africani loro stessi, come incoraggino e diano strumenti a una generazione di persone capaci, che scelgono di non  andare via dall’Africa ma di mettersi al servizio della propria gente e del proprio paese.

Con Amref ho conosciuto il volto più vitale del Continente Nero e so, per averlo visto, che i soldi dati a loro arrivano dove devono arrivare e producono futuro.

AMREF da oltre 55 anni ci mette il cuore e la testa. Ora ci mettiamo insieme la faccia perché il 5×1000 arrivi in Africa.

Diventa protagonista anche tu con me. E in sede di dichiarazione dei redditi mettici il cuore.

Codice Fiscale 970 56 980 580

Link a sito – http://5×1000.amref.it/ oppure bacheca Facebook di AMREF: https://www.facebook.com/amref.it?ref=hl

Cardinale Martini

Mi mancherà molto il Cardinale Martini, che per una persona come me, che si confronta ogni giorno con i dubbi, era un punto di riferimento importante per il mio percorso spirituale.

Di lui conservo da anni nella mia agenda una parte di un suo scritto pubblicato su un quotidiano:

“…come recuperare la gioia della fede e della preghiera? Non do consigli astratti, ma porto quattro immagini. La prima è quella di una cascata di montagna: se l’acqua non si butta coraggiosamente imputridisce. La seconda è quella dell’alpinista di fronte ad una parete ripida. Ha bisogno almeno di tre appigli: nel nostro caso sono un uomo di consiglio, il buon umore e qualche buon libro. La terza immagine è quella del mormorio del vento leggero (1 Re 19,12). Questa è la preghiera fatta a partire da qualche Salmo, meditata nel profondo del cuore. La quarta immagine è quella di chi sale in elicottero e vede un vasto panorama, che gli da orientamento e chiarezza. Ho sperimentato in me stesso che le difficoltà contro la fede crescono a misura che si rimpicciolisce il quadro di riferimento.” Mi mancherà la presenza della sua anima luminosa e così grande.

Neve

Siamo tutti stretti nella morsa del gelo siberiano, tutti senza eccezioni, in ogni parte d’Italia.

Un freddo intenso e prolungato a cui non siamo abituati, una neve copiosa e abbondante che impone il silenzio e tutto ricopre. Quando la natura si manifesta in tutta la sua potenza all’improvviso ci rendiamo conto di poter fare ben poco contro di lei. Io abito su una collina e per due giorni sono rimasta letteralmente bloccata in casa, la neve mi impediva di percorrere la ripida rampa del cortile condominiale, e la via era impraticabile a causa dei rami degli alberi caduti. Potevo solo camminare e così ho fatto. Per la strada ricoperta di neve ho incontrato tanti che andavano a piedi, e vista la situazione anomala ci si rivolgeva la parola, si scambiavano notizie sulle condizioni del quartiere, ci si preoccupava dei problemi altrui. Una vicina di casa che stava andando al supermercato mi ha chiesto se avevo bisogno di qualcosa, un altro mi ha offerto di accompagnarmi se avevo bisogno di andare da qualche parte. E’ stato come se la neve avesse cancellato quei confini invisibili che separano gli esseri umani tra di loro, quando si perdono tra gli agi della vita moderna, immersi nel cemento delle città, dimenticando il senso della comunità e la solidarietà reciproca. Non amo la neve, che cancella i colori e attutisce ogni suono, ma questa volta mi è piaciuta tantissimo, ci ha restituito il senso dei nostri limiti, rivelando la nostra fragilità, e il bisogno che abbiamo di essere uniti e in armonia con la natura.

La TV di qualità

Inizia una nuova stagione televisiva, ed io riparto, per il 14 esimo anno, al timone di Geo&geo, in diretta, tutti i pomeriggi su Raitre a partire dalle 17.40 circa. Quest’anno ho avuto una bella sorpresa al mio ritorno, perchè la Rai ha commissionato una indagine sulla qualità dei suoi programmi alla società Pragma, per conoscere il gradimento del pubblico: ebbene, Geo&geo è risultato essere il primo programma per qualità e valore pubblico di tutte le reti Rai. E’ un risultato che premia anni di lavoro serio e meticoloso da parte di un gruppo che crede profondamente nel ruolo del servizio pubblico, e che ne sente la responsabilità. E’ un incoraggiamento a proseguire con determinazione nonostante le tante difficoltà di un azienda in cui lavorare è sempre più difficile. Vi aspetto, dunque, tutti i pomeriggi per continuare a guardare insieme il mondo e lo spettacolo sempre emozionante della natura, così da imparare a rispettarla e  sapere come proteggerla.

Sei miliardi di altri

L’amore, la paura, la felicità, dio, il senso della vita, il distacco dalla propria terra, l’infanzia, la trasmissione di valori. Ci sono temi che attraversano la vita di ognuno di noi,comunque e ovunque siamo.E possiamo essere lontanissimi dal punto di vista geografico, culturale, sociale, religioso, ma vicinissimi attraverso i sentimenti. Il mio nuovo programma, “Sei miliardi di altri”, in onda per sei puntate da giovedì 9 giugno alle 23.25 su Raitre prende spunto da uno splendido lavoro fatto dal regista francese Yan Arthus Bertrand, il quale è andato per il mondo a intervistare le persone facendo a tutti le stesse domande sui grandi temi dell’esistenza. Quello che ne esce è una fotografia dell’umanità colta nel profondo, dove le differenze arricchiscono e non separano e un filo ci unisce tutti quanti, un filo che si dipana attraverso la conoscenza e l’incontro. In studio avrò degli ospiti per parlare di esperienze personali e come musica ho scelto i video di Playing for change che chi segue il mio blog conosce già. E’ un programma di cui mi sento orgogliosa e in cui mi riconosco, un punto di arrivo della mia maturità professionale. Vi aspetto allora ogni giovedì in seconda serata su Raitre!

2011

Buon anno a tutti, cari amici del blog. Si è appena aperto questo 2011 e mi fa un pò paura, perchè l’anno appena trascorso è stato il più bello della mia vita e mi sembra impossibile avere qualcosa di più. Ma voglio essere ottimista perchè si può e si deve sempre migliorare, ed ho tanti progetti e compiti da portare a termine. Intanto sto scrivendo un libro, in cui metterò insieme tutte le esperienze e le conoscenze che mi aiutano a restare in armonia con la natura, a seguire uno stile di vita sobrio ma ricco di emozioni e contenuti. E poi, c’è forse un nuovo programma all’orizzonte, una seconda serata su Raitre dedicata agli esseri umani, a ciò che ci rende fratelli nonostante le tante differenze culturali e geografiche in cui viviamo. Il tutto da affiancare  Geo che andrà in onda fino a maggio. Ogni giorno poi, c’è una nuova scoperta che riguarda la crescita di Petra, il viaggio più appassionante della mia vita che mi regala l’ energia per fare tutto e una immensa felicità. A tutti voi auguro un 2011 pieno di pace e serenità.

Pronti per voi

Vi serve il consiglio di un veterinario? Non sapete come nutrire i piccoli ricci sotto la legnaia e vi serve uno zoologo? Volete risparmiare sull’energia e conoscere le novità su tutto ciò che può rendere  ecologica la vostra abitazione? Vi piacerebbe usare più prodotti naturali per la cura del corpo e della casa? La pagina “Chiedi agli esperti” è attiva, potete entrare, leggere i profili degli esperti e porre loro le vostre domande, sono pronti per voi! A presto Sveva

Novità

imgp23321Cari amici del blog,

dato che ho ricevuto molti più commenti di quello che pensavo, ho pensato di offrire qualcosa di più a tutti voi che mi seguite: tra poco, proprio qui sul blog saranno a vostra disposizione alcuni esperti, tra cui un veterinario, uno zoologo e una esperta di ecologia domestica. A loro potrete fare domande su questioni che vi riguardano. [...]

Buone notizie

p1000395E’ arrivato il momento di ringraziarvi tutti per l’esito del mio blog. Sono felicissima dei vostri commenti così sinceri, profondi, personali e pieni di affetto. Grazie. La Rete mi faceva un pò paura, anche perchè sono una persona riservata ed ho sempre un pò di pudore a parlare di me. Ma Petra mi emoziona così tanto da farmi sentire il desiderio di condividere la mia gioia con chi sento che mi vuole bene e che mi apprezza per il lavoro che faccio. [...]

 Page 1 of 2  1  2 »